Consorzio Produttori Antiche Acetaie

Consorzio Produttori Antiche Acetaie

Responsabile: Avv. Mario Gambigliani Zoccoli
Via Vaciglio Sud 1085/1 ,
41126 Modena-ITALY (MO)
Telefono: + 39 059 395633
Anno fondazione: 1979
Fax: + 39 059 444510
Email: info@balsamico.it
Lingue parlate: Inglese

Servizi offerti dalla struttura

  • Certificazioni
  • Tutela
  • Visita all'azienda Promozione
  • Vendita al pubblico

L’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P. è sicuramente uno dei prodotti più antichi e prestigiosi del panorama gastronomico italiano. Già dai tempi dell’antica Roma venivano elencate le peculiari proprietà di alcuni aceti agrodolci, ma è solo nel periodo di massimo splendore della corte estense a Modena (1508) che incominciano a farsi riferimenti precisi ad un aceto detto “Balsamico”. Questo antico metodo produttivo viene ancora oggi utilizzato dagli artigiani locali che “rincalzano” con il mosto cotto di uve della provincia le botti di legno pregiato poste nei sottotetti delle loro abitazioni. L’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, dopo un severo esame della Commissione di Esperti Degustatori del Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, è imbottigliato nella inconfondibile bottiglia da 100 ml progettata da Giugiaro design ed è disponibile in due sole tipologie, invecchiato almeno 12 anni ed invecchiato almeno 25 anni.

Il Consorzio Produttori Antiche Acetaie dal 1979 promuove in Italia e nel mondo l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, garantendo nel contempo assistenza ed informazione a tutti gli estimatori dell’’Oro Nero” di Modena.

Il Consorzio ha per scopi:
a- assistere e consigliare i consorziati per il regolare e corretto rispetto della normativa vigente
b- assistere e consigliare i consorziati per il miglioramento della produzione, svolgere studi e ricerche, organizzare incontri e convegni, volti, comunque, a valorizzare il prodotto Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P. .
c- promuovere azioni e programmi volti a favorire il consumo di Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P., organizzando ogni opportuna iniziativa anche in collegamento e con il patrocinio di Enti pubblici e privati;
d- utilizzare, anche mediante cessione, un adeguato quantitativo di prodotto, cedutogli da parte dei soci, per fini istituzionali di promozione, divulgazione e difesa dello standard qualitativo.

ristorante

Ristorante consigliato

Ristorante Trattoria da Bollo
Via Nino Bixio 29
Località Panzano
41013 Castelfranco Emilia (Modena)
Contatti Tel: 059 924425
Chiusura chiuso la domenica e lun/mar sera
ricetta

Ricetta consigliata

Crema brulè con aceto balsamico Tradizionale di Modena Extra Vecchio
Premio: Aperitivo sfizioso – concorso Ricette Balsamiche
Palio della Ghirlandina Città di Modena anno 2008
AED ABTM Associazione Esperti Degustatori
Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Dop
ingredienti per 4 persone:
panna liquida gr. 250
uova intere n°2
parmigiano-reggiano grattugiato: gr. 50
pane grattugiato; noce moscata; sale e pepe
Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Extra V

Procedimento:
sbattere le uova col parmigiano, senza montarle; unire la panna liquida, sale pepe, e noce moscata; mettere in fondo al bicchiere un cucchiaio di a.b.t.m., poi sopra versare piano la crema col parmigiano, fino all’altezza di 3 cm; a parte, mescolare in parti uguali, un cucchiaio di parmigiano e uno di pane grattato; versare a pioggia sui bicchierini, formando uno strato leggero; cuocere a bagno-maria nel forno a 180°, per circa 30 minuti, fino a che non abbia fatto un po’ di crostina; si consiglia di usare aceto molto denso, oppure se liquido, procedere ad una riduzione, con l’aiuto di un po’ di farina. Servire tiepido.
Ricetta proposta da: Olivi Elena rielaborata da una ricetta di Francesca Castellani Tarabini
itinerario

Itinerario consigliato

Abbazia Benedettina di Nonantola;
Acetaia Villa Le Magnolie Via Mavora 154 Castelfranco Emilia 338 5087425
Museo Auto Storiche Mario Righini, Castello di Panzano Castelfranco Emilia
Galleria Ferrari, Maranello, Modena
Gusto Antico

Con tre gocce di balsamico
ogni piatto è più simpatico:
Lui condisce l’insalata
rende ghiotta la frittata
e alla fine di un banchetto
ti rinfresca sul sorbeto.

Lui raduna la famiglia
è l’orgoglio dell’Emilia
Il Boiardo e pur l’Ariosto
lo mettevan sull’arrosto
e Matilde, gran sovrana,
lo gustava sopra al grana.

Anche Dante, di passaggio,
volle farne un ricco assaggio:
a Bismantova, in cacume,
lo versò sopra al salume;
lo gustò anche sul riso
e compose il paradiso

Pur la secchia, in Ghirlandina,
più che secchia era una tina
e difatti manca il manico……
conteneva il buon Balsamico
Fu motivo di contese,
ma Bologna infin s’arrese
“Questo Aceto buone e santo
è di Modena! E’ il suo vanto!
Poesia di Mazzariello Stefano
Vincitore del primo premio nella sezione giovani del Concorso Poesie Balsamiche

Palio della Ghirlandina Città di Modena anno 2010
AED ABTM Associazione Esperti Degustatori
Aceto Balsamico Tradizionale di Modena Dop