Fili di Carlo Guttadauro: la magica ritualità del convivio in mostra in Enoteca

07 aprile 2012
Fili di Carlo Guttadauro: la magica ritualità del convivio in mostra in Enoteca

Fili è un viaggio visivo che parla di enogastronomia, dei suoi artefici diretti e di quelli involontari come il paesaggio, le persone e l’arte, capace di educare il gusto al bello generando sensibilità nuove.
Carlo Guttadauro, classe 1968, scopre la fotografia a 12 anni. Da allora si è specializzato nell’arte di catturare la bellezza degli attimi con il suo obiettivo, rendendola eterna. La consapevolezza che ritualità e cibo sono strettamente collegati e interconnessi genera gli scatti di Fili, che fissano le emozioni di un momento conviviale.

Presentando la mostra Fili, Carlo Guttadauro afferma: "La mia idea è guardare le cose da un altro lato, provando a collegare i fili naturali in una ricerca di varietà che ritmi l'esperienza estetica con la verità, affinche i sensi coinvolti non siano solo quelli considerati da Aristotele, ma tutti quelli che l'enogastronomia mette in circolo".

Ingresso libero

L'inaugurazione si terrà sabato 7 aprile 2012 alle ore 17.00 alla presenza dell'artista.

La mostra è aperta negli orari seguiti da Enoteca Regionale, dal 7 aprile al 31 maggio 2012:

Mar-Ven 9.30-13.00 e 14.30-18.00
Sab 10.00-13.00 e 14.30-18.00
Dom 10.00-13.00 e 15.00-18.45
Lunedì chiuso

Per info 0542 678089 o info@enotecaemiliaromagna.it

Tag cloud