Premio Carta Canta

3° Edizione

/uploads/7f/03/7f0364d7d85dc7d338d5ed5332f308c5/rita-neri.jpg

Miglior Proposta Agriturismo” a Badia Della Valle di Lutirano, per la narrazione delle aziende proposte, il racconto del territorio e la capacità di coinvolgere i produttori geograficamente vicini.


«Carta Canta per noi è stato un premio inaspettato e un'esperienza divertente che ci ha confermato di lavorare nella direzione giusta.
In più ci ha stimolato a rendere ancora più tipica la carta dei vini evidenziando non solo la provenienza, ma il terreno su cui insistono le vigne


La missione degli agriturismi è proprio quella di rappresentare il territorio su cui insistono, utilizzando il più possibile materie prime di aziende agricole vicine.

E, pur essendo in Toscana, quindi secondo la legge regionale possiamo utilizzare qualsiasi vino toscano, per noi essere rappresentativi significa proporre vini delle vallate a noi più vicine come territorio e tradizioni. Nel nostro caso Modigliana e Faenza».
Rita Neri di Badia Della Valle di Lutirano

/uploads/a1/7e/a17eeddb926504f60734e188dc45f82c/simone-rossetti.jpg

Miglior Carta Enoteca” a Ca de bè di Bertinoro, per la capacità di realizzare una bella testimonianza dell’accoglienza romagnola e la proposta di vini del territorio.

Un presidio dell’identità ben realizzato per completezza, convivialità e… paesaggio.

«Ricevere il premio Carta Canta 2016 è stata una grande soddisfazione, un riconoscimento importante per noi, che ci ripaga dell’impegno profuso negli ultimi anni, spesi a valorizzare il patrimonio enologico regionale.


Per noi il legame cantina e territorio è fondamentale,
e alla Ca’ de Bè proponiamo esclusivamente i vini della Romagna. La nostra carta è frutto di una ricerca costante, sia sui vitigni più noti sia sui vitigni autoctoni e dimenticati
».
Simone Rosetti della Ca’ de Bè di Bertinoro

/uploads/ef/66/ef66dcb63dc7d5fa46c1cd1625adcdf0/locanda-appennino.jpg

“Miglior Carta Ristorante” a Locanda Appennino di Predappio, Ristorante” per la completezza della proposta territoriale, la chiarezza della grafica, la suddivisione dei vini, le note fornite per ciascun vino e l’attenzione per il vino biologico.


«Il premio Carta Canta ci fa molto onore. Siamo orgogliosi che il nostro lavoro venga riconosciuto.
Da dieci anni valorizziamo il nostro territorio, proponendo i vini locali ma anche il food, le carni, i formaggi.


Una volta al mese Roberto Celli ed io andiamo in visita dai produttori, che ci conoscono anche grazie al premio Carta Canta! È il lato del nostro lavoro. Uno scambio commerciale, ma anche conoscenza di nuove persone e la possibilità di toccare con mano la bontà dei prodotti.
Andiamo in vigna, in cantina, approfondiamo le tecniche di vinificazione. Valorizzare il territorio per noi è far crescere le nostre aziende, e allo stesso tempo crescere insieme a loro».
Riccardo Laghi e Roberto Celli, Locanda Appennino di Predappio

/uploads/fd/38/fd383c9551535e01f301a5664b03194e/massimiliano-cameli.jpg

“Miglior Carta Hotel” all’Albergo Albergo Al Vecchio Convento di Portico di Romagna per aver costruito una selezione varia e ricca di sorprese che può testimoniare il territorio a livello internazionale.

«Ricevere il Premio carta canta ha significato finalizzare in un premio anni di lavoro, passione, conoscenza dei vini, assaggi, conoscenza dei produttori, del territorio, rispetto per il terroir e per tutto il mondo enologico dove non ci si può permettere di giudicare un vino senza sapere la sua storia.


Il progetto mi sta particolarmente a cuore, anche perché il nostro hotel ristorante ha iniziato a proporre una carta Romagna dal 1990, quando non era facile come adesso.
La scelta dei vini principalmente la fa il nostro palato, poi il nostro portafoglio, poi la nostra etica e perché no la simpatia
».
Massimiliano Cameli, Albergo Al Vecchio Convento, Portico di Romagna FC