Due protagonisti per ogni week end a Dozza

20 Ottobre 2017

Due protagonisti per ogni week end a Dozza

Sabato 21 ottobre sarà possibile incontrare i produttori riminesi dell’azienda Terre di Fiume, mentre il banco d’assaggio di domenica 22 avrà come protagonisti Lambrusco e Fortana

Sabato 21 ottobre dalle 15 alle 19 i visitatori potranno incontrare i produttori della Società Agricola Terre di Fiume e scoprire i loro vini grazie ad una serie di assaggi gratuiti.

Questa cooperativa di Coriano (RN) ha sempre ricercato un forte legame con il proprio territorio e ha profondamente creduto nella possibilità di rendere i prodotti biologici una alternativa possibile e concreta. «Per la cura delle piante – sottolineano dall’Azienda -utilizziamo solo zolfo e solfato di rame, in quantità inferiori a quelle previste dalla normativa europea. Le uve vengono raccolte a mano in orari idonei alla loro migliore conservazione. La scelta di produrre un limitato numero di bottiglie, ci permette di operare una selezione accurata dei grappoli migliori».

Domenica 22 ottobre dalle 15 alle 18.45 il banco d’assaggio avrà due protagonisti: l’emiliano Lambrusco e il Fortana, vino della DOP Bosco Eliceo.

Quella dei Lambrusco è la famiglia di vitigni più diffusa nella campagna che da Parma si estende verso est fino a comprendere i territori reggiano e modenese. Da queste uve fragranti si ottiene un vino frizzante profondamente piacevole, al punto da essere il più esportato al Mondo. Sarà possibile degustare diverse tipologie di Lambrusco.

Il Fortana è il “vino delle sabbie” per eccellenza, prodotto nel ferrarese. Questo vitigno, caratterizzato dal clima umido e salmastro per la vicinanza al mare, è il “principe” della fascia costiera tratteggiata da dune, boschi, valli salmastre e saline. E’ chiamato anche Uva D'Oro. Poco alcool e molta mineralità rendono il Fortana un vino che si adatta a tutte le situazioni, dall’aperitivo alle cene di pesce.

 

Tour in Emilia per il weekend all’Enoteca Regionale

Sabato 28 ottobre, alla Rocca di Dozza, incontro con i produttori di “Podere Riosto” mentre domenica 29 si degusterà il Gutturnio piacentino

Un weekend che è anche un ideale viaggio attraverso la regione: i protagonisti del sabato, infatti, saranno vignaioli romagnoli che daranno il cambio a un vino tipicamente emiliano, da degustare nel pomeriggio di domenica.

 Sabato 28 ottobre, dalle 15 alle 19, gli ospiti di Enoteca Regionale Emilia Romagna alla Rocca di Dozza saranno i produttori dell’azienda Podere Riosto di Pianoro (BO).

La produzione del Podere Riosto si concentra maggiormente sui vini bianchi come Pignoletto, Chardonnay e Sauvignon, anche se la sperimentazione è continua: l’azienda ha infatti ampliato la produzione cominciando a utilizzare la “Vite Centenaria del Fantini”, una tipologia di uva riscoperta negli anni ’60 e che, in seguito ad approfonditi studi, è stata registrata nel Registro Italiano Vigneti nel 2009.

 

Domenica 29 ottobre si passerà alla zona emiliana con il Gutturnio, il simbolo dell’enologia piacentina.

Vino di carattere ma allo stesso tempo elegante e morbido, il Gutturnio nasce dall’assemblaggio di due uve dalle caratteristiche complementari: la Barbera e la Bonarda, nome locale della Croatina.

Dalle 15 alle 18.45 un sommelier, nel wine bar di Enoteca Regionale all’interno della Rocca Sforzesca di Dozza, guiderà il pubblico in una degustazione di diverse tipologie di Gutturnio, dal tradizionale frizzante al fermo, fino ad arrivare al Gutturnio Riserva invecchiato in botte.

Il costo della degustazione di tre vini è di 6 Euro, assaggio a richiesta di salumi e formaggi 2 Euro.

Ad accompagnare le degustazioni ci sarà un qualificato sommelier.